L’edizione one-day di Portici di Carta riporta in presenza i lettori torinesi. Barbero sold out

Successo per l’edizione one-day: quasi tutti i cinquanta appuntamenti proposti hanno registrato il tutto esaurito. Sold out per la grande anteprima il 23 giugno con Alessandro Barbero e Giuseppe Culicchia a Lingotto Fiere.

Nel giorno di San Giovanni, patrono del capoluogo piemontese, Portici di Carta ha permesso alla grande comunità del libro di tornare in presenza per riconoscersi, incontrarsi, ascoltarsi, scambiare idee, condividere riflessioni e progetti. Nonostante qualche momento di maltempo, Portici di Carta ha raccolto attorno a sé un pubblico attento di grandi e piccini e ha lanciato un messaggio: fare eventi in presenza è possibile, grazie soprattutto a un pubblico consapevole e rispettoso di tutte le regole anticontagio.

Più di 2 kilometri in centro città contrassegnati da 60 librerie, fra indipendenti, di catena, remainders, antiquarie, bouquinistes68 case editrici e 40 espositori “Il libro ritrovato” di libri antichi e fuori catalogo, dalla mattina alla sera di giovedì 24 giugno hanno accompagnato il programma culturale di Portici di Carta, tra il grande entusiasmo del pubblico che, composto e rispettoso delle regole anticontagio, si è ritrovato nel centro di Torino. E nei giorni precedenti gli appuntamenti di avvicinamento da lunedì 21 giugno hanno caratterizzato una novità in stile “off” per Portici di Carta post pandemia, tra centro e periferia.

Tra i titoli più venduti: Sdraiato sul tetto del mondo di Cala Cimenti (Mondadori), La figlia unica di Guadalupe Nettel (La Nuova Frontiera), Chi nel silenzio non tace di Martina Merletti (Einaudi), Circe di Madeline Miller (Sonzogno) e Cose spiegate bene. A proposito di libri (Iperborea). Tra i gialli: l’ultimo di Antonio Manzini Vecchie conoscenze (Sellerio) e il nuovo di Enrico Deaglio, presentato a Portici di Carta, Cose che voi umani (Marsilio). Tra i volumi sulla scienza: Armati di scienza di Elena Cattaneo (Cortina). Tra i titoli di libri per l’infanzia più apprezzati: La terra respira di Guia Risari (Lapis), ospite a Portici, Julian e la Volpe di Joe Todd-Stanton (Babalibri) e Il giardino delle meduse di Paola Vitale (Camelozampa). Nel settore libri in lingua originale svetta tra le vendite l’ultimo romanzo di Kazuo Ishiguro Klara and the Sun. Tra i fumetti più richiesti, i Manga, tra i graphic novel Il sentiero di Andrea Tridico (Round Robin), che racconta due storie di immigrazioni che si incontrano nelle valli Valdesi.

Quasi tutti i cinquanta appuntamenti proposti hanno registrato il tutto esaurito. Sold out per la grande anteprima il 23 giugno con Alessandro Barbero e Giuseppe Culicchia a Lingotto Fiere.

Apprezzatissime le attività nello spazio Mini Portici dedicato alle bambine e ai bambini, come le letture ad alta voce di Nati per leggere, le azioni di pittura proposte dal Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea (dedicate a La gabbianella e il gatto di Luis Sepúlveda) e i tanti laboratori con autori e autrici del calibro di Davide Calì, Angelo Petrosino, noto per la celebre serie Valentina, l’illustratore Premio Andersen 2019 Marco Somà, Guia Risari, Rossana Bossù, Daniele Bergesio, Marco Paschetta, Sara Marconi e Mary Griggion.

Grande partecipazione agli appuntamenti con autrici e autori all’Oratorio San Filippo Neri: Fabio Cantelli con don Luigi Ciotti, Enrico Deaglio con Francesco Guglieri, Ilide Carmignani con Carmen Yáñez e Renzo Sicco, Evelina Christillin e Christian Greco con Luca Beatrice.

Tra gli incontri “off” in avvicinamento a Portici di Carta, i lettori hanno seguito con particolare interesse quelli con autori come Carlo Greppi, Francesco Filippi, Eric Gobetti, Pino Ippolito Armino (per la collana dedicata al fact checking di Laterza), Massimo Novelli, Eleonora Sottili, Ester Armanino, Paola Cereda, Margherita Oggero, Enrico Pandiani, Massimo Tallone, Dario Voltolini, Giorgio Brizio, Matteo Lezzi, Giulio Mainardi, Paolo Napoli, Davide Peland.

Seguite da un pubblico di lettori numerosissimo tutte le sei passeggiate letterarie che hanno guidato il pubblico alla alla scoperta dei luoghi e degli spazi cittadini frequentati da scrittori, pensatori, nomi illustri che hanno visitato Torino, come Fruttero & Lucentini, Mario Soldati, Jean Jacques Rousseau, Edmondo De Amicis, Augusto Monti, Xavier De Maistre, Vittorio Alfieri, Friedrich Nietzsche, Leone Ginzburg, Cesare Pavese, Primo Levi, Emilio Salgari, Italo Calvino.

Portici di Carta è stata l’occasione anche per presentare e confrontarsi su progetti di promozione alla lettura e scrittura: il Concorso letterario nazionale Lingua Madre con il video sulle vincitrici; il nuovo Independent Grand Tour, ideato da Hangar del Libro Regione Piemonte e Salone Internazionale del Libro di Torino, per far conoscere la ricca realtà editoriale e libraria indipendente piemontese; Lettura 2030, il nuovo progetto sociale e culturale del Salone del Libro e delle Biblioteche civiche torinesi per la donazione di libri; Incipit Offresi, primo talent letterario itinerante dedicato agli aspiranti scrittori, promosso da Fondazione ECM – Biblioteca Archimede di Settimo Torinese e Regione Piemonte; l’iniziativa Lettura Day, progetto di lettura condivisa sui social nato durante il lockdown per unire la grande comunità dei libro; Se Non Ora Quando? con il libro Una rete di fili colorati sui suoi dieci anni di attività; la staffetta dantesca in diverse librerie italiane, pensata dalla rivista L’indiscreto e Salone Internazionale del Libro di Torino; la mostra Nel mezzo del cammin di nostra vita…, mostra fotografica e xilografica a cura del Laboratorio ARTIVIAMOCI dell’Associazione ICS con i detenuti della Casa di Reclusione San Michele di Alessandria e la direzione scientifica dell’associazione PassoDopoPasso.

E quest’anno i lettori hanno potuto ascoltare una versione musicale di Portici di Carta, grazie alla playlist Canzoni su Torino dedicata alla città, su Spotify.

Anche in questa edizione gli incontri di Portici di Carta sono stati seguiti e raccontati da giovani reporter d’eccezione, i ragazzi e le ragazze del Bookblog, lo spazio di racconto partecipato che il Salone Libro dedica alle scuole e che quest’anno si è rinnovato nella forma e si è aperto a nuovi contenuti. Per leggere i loro articoli: bookblog.salonelibro.it.

By Redazione

Related Posts